Mantieni buoni livelli di colesterolo in modo naturale

buoni livelli di colesterolo in modo naturale

Oggi in Francia le malattie cardiovascolari sono la prima causa di morte, principalmente legate all’aterosclerosi. Nonostante le numerose innovazioni terapeutiche, il mezzo più efficace per combattere il rischio cardiovascolare rimane l’attuazione di misure preventive. Dobbiamo quindi continuare a informare ed educare le popolazioni a combattere efficacemente contro il tormentatore dei cuori del 21° secolo: il colesterolo. !

Cos’è il colesterolo ?

Il colesterolo è un lipide formato da un nucleo di steroli. Si trova in tutte le membrane cellulari ed è un componente di molti ormoni. Il fegato produce fino a 1,2 g/giorno ed è anche sintetizzato nelle ghiandole surrenali. Per molto tempo è stato misurato nel sangue il rapporto tra colesterolo totale libero e colesterolo esterificato.

Attualmente dosiamo il colesterolo HDL (colesterolo ad alta densità) che ha la proprietà di eliminare il colesterolo dalle pareti delle arterie e di trasportarlo al fegato dove viene così degradato. È il “colesterolo buono“.

Viene dosato anche il colesterolo LDL (colesterolo a bassa densità), che tende a depositare il colesterolo sulle pareti arteriose. È “colesterolo cattivo“.

Cos’è l’ipercolesterolemia ?

L’ipercolesterolemia LDL è quindi un importante e frequente fattore di rischio per molte malattie cardiovascolari e neurovascolari (cardiopatia ischemica, ictus, arteriopatia periferica, ecc.).

Nella forma familiare di ipercolesterolemia, il livello di colesterolo nel sangue è in media il doppio del normale, il che non è il caso in altre forme (a volte chiamate “poligeniche”). Un francese su 500 ha l’ipercolesterolemia familiare, mentre almeno 1/3 dei francesi può essere considerato affetto da ipercolesterolemia poligenica (un misto di predisposizione genetica, dieta inadatta o sovrappeso). Il colesterolo LDL elevato esiste sin dalla nascita. Per questo motivo, l’insorgenza più tardiva dell’ipercolesterolemia nella vita non suggerisce una forma familiare.

Una bassa variazione qualitativa nell’assunzione di acidi grassi, invece, diminuisce il colesterolo LDL nei soggetti ipercolesterolemici mantenendo un elevato apporto lipidico.

Un po’ di storia

  • La storia del colesterolo inizia nel 1758, con la scoperta da parte di François-Paul Poulletier de la Salle di una nuova sostanza organica nei calcoli biliari.
  • Nel 1816, il grande chimico Michel-Eugène Chevreul chiarì le caratteristiche fisico-chimiche di questa sostanza lipidica, che chiamò “colesterina”.
  • Il patologo tedesco Rudolf Virchow descrisse nel 1857 un accumulo di cristalli di colesterolo nelle lesioni aterosclerotiche arteriose.

Successivamente molti ricercatori si sforzeranno di chiarire il metabolismo e il ruolo fisiologico e patologico del colesterolo, e di migliorarne il dosaggio. L’implicazione diretta dell’ipercolesterolemia nella fisiopatologia della progressione dell’ateroma e della malattia coronarica, invece, non sarà dimostrata fino alla seconda metà del XX secolo. L’abbassamento della colesterolemia diventa quindi un obiettivo di salute pubblica.

La scoperta del recettore del colesterolo LDL, da parte di Joseph L. Goldstein e Michael S. Brown, e la comparsa delle statine all’origine di sperimentazioni terapeutiche su larga scala, con risultati convincenti in termini di morbilità e mortalità cardiovascolare e di mortalità complessiva, ha quindi confermato la teoria dei lipidi e il ruolo del colesterolo come importante fattore di rischio.

Alcuni consigli naturopatici per limitare l’accumulo di colesterolo cattivo :

  • Impegnati in una regolare attività fisica
  • Ridurre il consumo di grassi animali (salumi, carni grasse, burro, crème fraîche, latte e latticini non scremati, formaggi grassi, ecc.)
  • Evita i cibi più ricchi di colesterolo, come le frattaglie, e limita il consumo di uova a 2-3 a settimana
  • Prediligi i grassi di origine vegetale: oli di oliva e di arachidi, girasole, mais, vinaccioli, colza, soia, noci
  • Incoraggiare il consumo di carni magre, pollame, pesce, latte e latticini scremati o parzialmente scremati, nonché il consumo di frutta e verdura
  • Evitare cibi di origine industriale ricchi di grassi cattivi, come pasticcini, pasticcini, alcuni biscotti, piatti pronti, ecc.
  • Incorporare nella dieta un apporto di fibre, oltre a steroli o stanoli vegetali

Esistono rimedi erboristici per abbassare il colesterolo?

Esistono infatti piante medicinali che abbassano il colesterolo. Questi diminuiscono l’assorbimento del colesterolo nell’intestino e quindi abbassano il livello di colesterolo circolante nel sangue. Queste piante vengono utilizzate in aggiunta ad una dieta adeguata e diligente nel trattamento del colesterolo in eccesso, da sole o in combinazione con un ipolipemizzante della famiglia delle statine.

foglie di olivo :

Ipolipemizzante, le foglie di olivo contengono naturalmente oleuropeina e il suo aglicone, oltre a idrossitirosolo. Questi principi attivi hanno il ruolo di abbassare i livelli sierici di colesterolo totale e LDL e trigliceridi. Inoltre rallentano il processo di perossidazione lipidica e potenziano l’attività enzimatica antiossidante. Ipocolesterolemizzanti, le foglie di olivo proteggono anche le cellule del miocardio (cardiomiociti), così come la funzione vascolare. Sono calcioantagonisti naturali.

Olio di borragine :

Ricco di omega 6, l’olio di borragine abbassa il colesterolo. Abbassa il livello di colesterolo nel sangue e agisce come agente antipiastrinico e antidiabetico.

Konjac :

Ipolipemizzante, il konjac è attivo nel ridurre l’aumento di peso. Provoca un aumento del rapporto HDL/LDL ed è indicato nei casi di ipercolesterolemia.

Semi di fieno greco :

Questi semi hanno un’azione antidiabetica; riducono infatti la glicemia diabetica postprandiale, l’assorbimento dei carboidrati, la produzione di glucosio da parte del fegato e migliorano l’azione dell’insulina. Sono ipolipemizzanti, ipocolesterolemizzanti e hanno anche proprietà cardiotoniche e ipoglicemizzanti.

Crisantemo :

Questa pianta è generalmente indicata nell’iperlipidemia, nell’ipercolesterolemia e nell’ipertrigliceridemia.

Fonti :

  • Nordestgaard BG, Chapman MJ, Humphries SE et al.; European Atherosclerosis Society Consensus Panel. Familial hypercholesterolaemia is underdiagnosed and undertreated in the general population: guidance for clinicians to prevent coronary heart disease: consensus statement of the European Atherosclerosis Society. Eur Heart J 2013
  • Do R, Stitziel NO, Won HH et al. Exome sequencing identifies rare LDLR and APOA5 alleles conferring risk for myocardial infarction. Nature 2015
  • Cuchel M, Bruckert E, Ginsberg HN et al.; European Atherosclerosis Society Consensus Panel on Familial Hypercholesterolaemia. Homozygous familial hypercholesterolaemia: new
    insights and guidance for clinicians to improve detection and clinical management. A position paper from the Consensus Panel on Familial Hypercholesterolaemia of the European Atherosclerosis Society. Eur Heart J 2014
  • Wiegman A, Gidding SS, Watts GF et al.; European Atherosclerosis Society Consensus Panel. Familial hypercholesterolaemia in children and adolescents: gaining decades of life by optimizing detection and treatment. Eur Heart J 2015
Clémentine. M.
Naturopata – Aromaterapeuta / Erboristeria – Fitoterapista
Consulente in fito-aromaterapia clinica ed etnomedicina

Leave a Reply

Your email address will not be published.