La guida per imparare ad allattare, cosa devi sapere!

L’allattamento al seno è un atto naturale e apprendibile. Nelle società moderne, le donne non vedono spesso altre donne che allattano e non sempre hanno amici esperti o familiari da cui imparare. Alcune donne allattano molto facilmente dal primo giorno e non avranno mai problemi. Tuttavia, molti incontrano difficoltà o hanno domande ad un certo punto del loro cammino. Quando ciò accade, la maggior parte delle donne ha bisogno di incoraggiamento e di un saggio supporto per continuare ad allattare con successo.

Perché scegliere l’allattamento al seno ?

La scelta dell’allattamento al seno o dell’alimentazione del bambino con sostituti del latte materno è una decisione della madre. Tuttavia, non può fare questa scelta senza essere adeguatamente informata o se non le viene offerta l’opportunità di allattare. Le madri hanno spesso cattive informazioni da molte fonti.

Un approccio positivo può aumentare l’incidenza e la durata dell’allattamento al seno. Le donne dovrebbero avere una reale opportunità di allattare al seno, dopo aver ricevuto informazioni informate sul latte materno e sui sostituti, nonché sull’allattamento al seno e sul biberon.

Il latte della donna contiene ormoni, fattori di crescita, citochine e cellule immunocompetenti, ecc., e ha anche molte proprietà biologiche. La sua composizione varia in base all’età del bambino, al suo termine e al momento dell’allattamento. L’allattamento al seno aiuta in particolare la crescita normale.

L’allattamento al seno è infatti un vero e proprio beneficio cognitivo, di cui sarebbe un peccato non permettere al bambino di beneficiare. Se dura più di 3 mesi, l’allattamento esclusivo al seno riduce l’incidenza e la gravità delle infezioni digestive, ORL e respiratorie. Prolungato idealmente per 6 mesi, l’allattamento esclusivo al seno riduce anche il rischio di allergie nei neonati a rischio (padre, madre, fratello o sorella allergici). È anche coinvolto nella successiva prevenzione dell’obesità nell’infanzia e nell’adolescenza. In età adulta, i bambini allattati al seno hanno una pressione sanguigna e livelli di colesterolo più bassi rispetto ai bambini alimentati con latte artificiale.

Come ottenere un buon attacco al tuo bambino?

Immediatamente dopo la nascita, un bambino sano cerca istintivamente di allattare. Durante le prime due ore di vita, il bambino è vigile, attivo e infatti pronto per essere allattato.

Adagiato sulla pancia della madre, un neonato sano nato a termine è comunque in grado di gattonare fino al seno. Il parto della placenta è favorito da un’aumentata produzione di ossitocina materna, che a sua volta è stimolata dal contatto del bambino con il capezzolo.

Alcuni bambini hanno bisogno di due ore o più e altri potrebbero non essere pronti per l’allattamento fino al risveglio dal primo sonno. Il processo di nascita non termina fino a quando il bambino non passa dall’allattamento placentare all’allattamento al seno.

Un buon fermo assomiglia a questo :

  1. La bocca del bambino è spalancata e le labbra sono alzate. Il labbro inferiore è particolarmente rivolto verso l’alto e il mento del bambino tocca il seno della madre.
  2. Il capezzolo si trova molto indietro nella bocca del bambino, con la sua punta che tocca la giunzione palato duro / palato molle del bambino.
  3. Il bambino succhia con due movimenti simultanei: la mascella inferiore che sale e scende e un’onda muscolare peristaltica che va dalla punta della lingua all’indietro. La lingua è talvolta visibile sopra il labbro inferiore. Questa azione spreme il latte, fuori dai seni lattiferi, attraverso le labbra fino alla parte posteriore della bocca del bambino.
  4. All’inizio il bambino succhia brevemente, ma il ritmo cambia in una suzione più profonda e più lenta quando arriva il flusso di latte. Il bambino fa una pausa (deglutizione) e questi si allungano mentre la poppata continua.
  5. Le guance del bambino sono carnose e non scavate.

D’altra parte, ecco un brutto chiavistello :

  1. Il bambino succhia o mastica solo il capezzolo, con le labbra, le gengive o la lingua.
  2. La bocca non è spalancata e il bambino succhia sulle sue labbra.
  3. Le labbra e le gengive stringono il capezzolo invece dell’areola.
  4. La lingua può essere fuori posto, bloccando la sporgenza del capezzolo nella bocca del bambino.
  5. Le guance sono vuote.

Piccoli consigli :

  • Consenti al bambino di rimanere pelle a pelle dalla nascita fino a quando non ha avuto il tempo di finire la sua prima poppata.
  • Interagisci con il tuo bambino al tuo ritmo.
  • Lascia che il bambino inizi ad allattare quando mostra di essere pronto.

Quante volte allattare il bambino durante il giorno e per quanto tempo ?

L‘allattamento al seno senza restrizioni è la chiave per stabilire la produzione di latte e prevenire molte difficoltà. Ciò significa allattare il bambino ogni volta che mostra interesse per il seno, giorno e notte. Significa anche lasciare che il bambino finisca di allattare e lasciarlo lasciare il seno spontaneamente.

Cosa capire :

Il latte materno viene digerito più velocemente e meglio dei suoi sostituti. Durante le prime settimane, la maggior parte dei bambini allattati al seno ha bisogno di più cibo rispetto ai bambini nutriti con sostituti. Tutti i neonati hanno bisogno di pasti notturni e i bambini allattati al seno possono svegliarsi più frequentemente, ma l’allattamento al seno è molto più semplice della preparazione e poi del biberon. Gli ormoni dell’allattamento al seno possono aiutare le madri a riaddormentarsi rapidamente dopo una poppata.

I bambini hanno più comportamenti. Potrebbe essere necessario allattare al seno fino a 10-15 volte o fino a 6-8 volte in 24 ore.

Alcuni succhiano velocemente, altri lentamente. Altri ancora succhiano in una linea tratteggiata e le poppate si intersecano con piccoli pisolini, altri succhiano più costantemente. Alcuni bambini vogliono solo un seno, altri vogliono entrambi. Tutti questi comportamenti vanno bene, ma se il bambino allatta al seno tutto il tempo, sembra ancora insoddisfatto e non aumenta di peso, allora questo potrebbe essere un segno che il bambino non sta assumendo abbastanza latte materno.

Un bambino non può essere sovralimentato con il latte materno. I bambini nascono con il controllo dell’appetito che soddisfa le esigenze del loro corpo. Il bambino può allattare tutte le volte e per tutto il tempo che desidera.

Piccoli consigli :

  • Lascia che il tuo bambino si allatta senza prestare attenzione al tempo, lasciando sempre che smetta di alimentarsi spontaneamente.
  • Consenti al tuo bambino di fare delle pause occasionali con il seno in bocca. Il bambino può lasciare il seno perché è soddisfatto o potrebbe aver bisogno di una breve pausa.
  • Non rimuovere il bambino dal seno fino a quando non segnala che ne ha avuto abbastanza. Il bambino lo segnala lasciando andare il seno e rifiutandosi di riprenderlo, oppure addormentandosi.
  • Se devi rimuovere il bambino dal seno, “interrompi” la suzione mettendo un dito tra la lingua del bambino e il capezzolo prima di rimuovere il bambino, per evitare lesioni al capezzolo.

Come capire se il tuo bambino ha fame ?

I morsi della fame di un bambino sono l’ultimo segno disperato dopo una serie di segnali che mostrano che sono pronti per l’allattamento. Il bambino fa caratteristici movimenti di suzione con la lingua. Comincia a salivare e con crescente intensità le sue mani e le sue dita si toccano la bocca. Gira la testa da un lato all’altro, raggiungendo il seno. Tutti questi segnali mostrano che il bambino è pronto per essere allattato. Idealmente, un bambino dovrebbe sempre essere allattato al seno prima di iniziare a piangere, poiché un bambino stressato è meno facile da attaccare.

Lascia che il bambino ti guidi, sa di cosa ha bisogno. Non puoi costringere un bambino ad allattare se non lo vuole. Il bambino sarà nutrito meglio se rispondi ai suoi segnali. Dopo una breve pausa, puoi offrire di nuovo lo stesso seno per assicurarti che il tuo bambino riceva il latte di fine allattamento. Lo prenderà se ne avrà bisogno. Un bambino che viene rimosso dal seno e messo sull’altro seno prima che sia pronto potrebbe non essere nutrito con latte e potrebbe rimanere affamato.

Non abbastanza latte ?

Molte madri vivono momenti critici in cui la domanda attuale del bambino supera l’offerta di latte. I bambini crescono in picchi di crescita, quindi questo può accadere anche con l’allattamento al seno senza restrizioni. Tali episodi di produzione di latte insufficiente possono anche essere dovuti a un attacco improprio, alla limitazione della frequenza e della durata delle poppate o all’inibizione del riflesso di eiezione.

Piccoli consigli :

  • Controlla e migliora l’attaccamento del bambino. A volte una variazione molto piccola nella posizione del bambino al seno aiuterà il bambino ad avere una presa più ampia e ad attaccarsi un po’ di più. Anche un millimetro in più può fare la differenza in una suzione efficace.
  • I mangimi distanziati non faranno risparmiare più latte. Il seno non è un contenitore ma una fabbrica dove maggiore è la domanda, maggiore è l’offerta.
  • Mantieni il maggior contatto pelle a pelle possibile con il tuo bambino per stimolare il suo bisogno di allattare.
  • Offri il seno non appena mostra segni di fame, giorno e notte.
  • Offri il secondo seno ad ogni poppata, ma non preoccuparti se lo rifiuta. Il bambino conosce le sue esigenze nutrizionali. Non puoi costringere un bambino ad allattare quando è sazio.
  • Evita i ciucci che possono diminuire il desiderio del bambino di avere il seno e quindi diminuire la stimolazione e la produzione di latte.
  • Non utilizzare alimenti complementari per un bambino sano fino a quando non ha sei mesi.
  • Bevi quando hai sete, ma non hai bisogno di bere bevande extra per allattare.

Troppo latte ?

Il bambino regola la quantità di latte di cui ha bisogno. Tuttavia, pratiche errate come l’attaccamento improprio o la rimozione del bambino troppo presto dal seno possono, in alcune donne, essere accompagnate da una sovrapproduzione. Il bambino cercherà quindi di ottenere più latte precoce dal secondo seno nella sua ricerca delle calorie dal latte materno tardivo.

Non rimuovere il bambino dal seno fino a quando non è finito spontaneamente. Alcune madri interpretano male una piccola pausa nel succhiare e pensano davvero che il bambino sia finito..

Suggerimenti per il seno dolorosi e feriti

Il dolore ai capezzoli può verificarsi soprattutto all’inizio dell’allattamento al seno, soprattutto quando si stanno imparando le abilità per attaccarsi con successo e allattare con poppate frequenti. La principale causa di dolore e lesioni alle punte dei capezzoli è lo scarso aggancio da parte del bambino. Limitare l’alimentazione può provocare un ingorgo che a sua volta porta a un cattivo aggancio.

Alcuni consigli :

  • Se il bambino si attacca bene, il capezzolo non può essere ferito e tutto il dolore dovrebbe scomparire immediatamente. Un bambino che si è attaccato correttamente al seno non può danneggiare il capezzolo. Continuare ad allattare correttamente può rendere più facile la guarigione di un seno ferito. La guarigione dovrebbe avvenire entro 24 ore se il bambino è posizionato correttamente. La durata di l’allattamento al seno non causa o peggiora il dolore al capezzolo; un brutto chiavistello, sì.
  • Lavare le punte del seno rimuove le secrezioni protettive dalla pelle e può facilmente causare lesioni. Quando fai il bagno o la doccia, non dovresti mettere sapone o gel doccia sul seno.
  • Mantieni i capezzoli asciutti e ventilati, se possibile. Non devi indossare un reggiseno di notte.
  • Evita i paracapezzoli in plastica o i capezzoli. Tali accessori riducono l’efficacia della suzione del bambino al seno.

Se il dolore persiste oltre le 24-48 ore, è un segno che il bambino non si attacca ancora correttamente o che la madre ha un’infezione o una dermatite da Candida Albicans. In questo caso, dovresti consultare il tuo medico.

 

Clémentine. M.
Naturopata – Aromaterapeuta / Erboristeria – Fitoterapista
Consulente in fito-aromaterapia clinica ed etnomedicina

Leave a Reply

Your email address will not be published.