Diabete e disturbi metabolici, cosa devi sapere!

Il diabete attualmente colpisce più di 3 milioni di persone in Francia e quasi 140 milioni in tutto il mondo. Con questo termine si designa tutta una serie di patologie, generalmente caratterizzate da polidipsia (sete anormale) e poliuria (escrezione di urina maggiore del normale). Tuttavia, ci sono molti nomi per qualificare il diabete: magro, grasso, dolce, asintomatico, alloxanico, insapore, abbronzato, giovanile ecc. Per semplificare, possiamo ricordare che ci sono schematicamente 3 forme principali di questa patologia: diabete di tipo 1 (insulino-dipendente), diabete di tipo 2 (non insulino-dipendente) e diabete gestazionale che compare transitoriamente nelle donne in gravidanza.

Il diabete mellito è caratterizzato da un aumento anormale del livello di glucosio nel sangue. Il valore medio del livello di glucosio nel sangue, chiamato “glicemia”, è di 1 g / litro. Al mattino a stomaco vuoto, questo valore è infatti compreso tra 4,3 e 6,1 mmol / L (0,8 e 1,10 g / L). Due ore dopo un pasto, è compreso tra 5,5 e 7,7 mmol / L (da 1 a 1,4 g / L).

Origine del diabete mellito :

Diabete di tipo 1 :

Questo diabete di solito si verifica nei giovani, improvvisamente. Il pancreas non secerne più insulina (o in quantità troppo piccole) a seguito della distruzione delle cellule beta delle isole di Langerhans. Le cellule immunitarie reagiscono in modo anomalo e distruggono le cellule pancreatiche che secernono insulina; si parla infatti di “malattia autoimmune“. Le cellule, senza insulina, non hanno più accesso al glucosio, che si accumula nel sangue, da qui l’iperglicemia.

Il diabete di tipo 1 di solito si sviluppa durante l’infanzia o l’adolescenza e fino a poco tempo fa era la forma più comune di diabete prima dei 30 anni. Alcuni casi di diabete di tipo 1, in particolare nelle “popolazioni non bianche”, possono non essere di origine autoimmune e sono quindi considerati idiopatici. In particolare, il diabete di tipo 1 rappresenta meno del 10% dei casi di diabete.

Tuttavia, diversi virus (inclusi coxsackie, rosolia, citomegalovirus, virus di Epstein-Barr e retrovirus) sono stati associati all’insorgenza del diabete di tipo 1. I virus possono infettare direttamente le cellule beta e distruggerle o provocarle indirettamente la distruzione delle cellule beta.

Anche la dieta può essere un fattore scatenante. L’esposizione dei lattanti a prodotti lattiero-caseari (in particolare latte vaccino e proteine ​​del latte come la beta caseina), un’elevata concentrazione di nitrati nell’acqua potabile e un basso apporto di vitamina D sono stati associati ad un aumento del rischio di diabete di tipo 1. Precoce (<4 mesi) o tardiva (> 7 mesi) l’esposizione al glutine e ai cereali aumenterebbe la produzione di autoanticorpi anti-isolotto. I meccanismi di queste associazioni sono poco conosciuti.

Diabete di tipo 2 :

Il diabete di tipo 2 (non insulino dipendente) rappresenta la maggioranza dei casi, spesso legato ad obesità, mancanza di esercizio fisico, insomma uno stile di vita sempre più sedentario ed errori alimentari ripetuti. Qualsiasi forma di diabete dovrebbe essere presa molto sul serio. Non esiste un diabete innocuo. I rischi sono tanti e reali ei trattamenti, volti a garantire un livello di zucchero nel sangue costante e normale, devono essere eseguiti con la massima cura.

Nel diabete di tipo 2, la secrezione di insulina è inappropriata perché i pazienti hanno sviluppato resistenza all’insulina. L’insulino-resistenza epatica porta all’incapacità di sopprimere la produzione di glucosio epatico e l’insulino-resistenza periferica compromette l’assorbimento di glucosio periferico. Questa associazione dà origine al digiuno e all’ipoglicemia postprandiale. I livelli di insulina sono spesso molto alti, soprattutto all’inizio della malattia. Successivamente nella malattia, la produzione di insulina può diminuire gradualmente, con conseguente aumento dell’iperglicemia.

La malattia di solito si sviluppa negli adulti e diventa più comune con l’età; fino a un terzo degli adulti> 65 anni di età soffre di intolleranza al glucosio. Negli anziani, i livelli di zucchero nel sangue raggiungono livelli più elevati dopo aver mangiato rispetto ai giovani adulti, soprattutto dopo i pasti con un alto carico di carboidrati. Anche i livelli di zucchero nel sangue richiedono più tempo per tornare alla normalità, in particolare a causa di un accumulo di grasso addominale viscerale e di una diminuzione della massa muscolare.

Per quanto riguarda la dieta del diabetico ?

La dieta personalizzata può quindi aiutare i pazienti a controllare le fluttuazioni di zucchero nel sangue e perdere peso nel diabete di tipo 2.

Tutti i diabetici dovrebbero ricevere consigli sui benefici di una dieta a basso contenuto di grassi saturi e colesterolo e che includa quantità moderate di carboidrati preferibilmente da cereali integrali ad alto contenuto di fibre. Sebbene le proteine ​​e i grassi alimentari contribuiscano all’apporto calorico (e quindi all’aumento o alla perdita di peso), solo i carboidrati hanno un effetto diretto sulla glicemia. Una dieta povera di carboidrati e ricca di grassi migliora il controllo glicemico in alcuni pazienti e può essere utilizzata per un breve periodo di tempo.

I diabetici di tipo 1 dovrebbero valutare la loro assunzione di carboidrati o carboidrati equivalenti al fine di abbinare le dosi di insulina e l’assunzione di carboidrati e ottimizzare la sostituzione fisiologica dell’insulina. Inoltre, “determinare” la quantità di carboidrati nel pasto è utile per calcolare la dose di insulina da iniettare prima del pasto. Questo approccio, tuttavia, richiede informazioni dettagliate sul paziente ed è più efficace se eseguito da un dietista esperto nella gestione del diabete.

I pazienti con diabete di tipo 2 dovrebbero quindi limitare il loro apporto calorico, mangiare regolarmente, aumentare l’assunzione di fibre e limitare l’assunzione di carboidrati raffinati e grassi saturi. La consultazione di un nutrizionista deve tuttavia integrare il parere del medico; devono essere presenti sia il paziente che la persona che prepara i pasti.

Alcuni consigli dietetici in caso di diabete :

  • Consumare pasti a orari regolari (3 al giorno)
  • Pianifica un solo pasto al giorno a base di carne, possibilmente da sostituire 3 volte a settimana con il pesce
  • Limita i grassi e prediligi quelli di origine vegetale
  • Evita i prodotti zuccherini
  • Non dimenticare le fibre (frutta e verdura)
  • Consuma cibi ricchi di amido senza eccessi
  • Preferisci yogurt e formaggi bianchi ai formaggi
  • Bere almeno 1,5 litri di acqua al giorno
  • Impegnati nell’attività fisica

Esistono rimedi erboristici che funzionano sul diabete ?

Il bocciolo di acero campestre :

Questa gemma esercita un’azione ipoglicemizzante ed è quindi indicata nel diabete grasso o florida degli anni Quaranta.

Fieno greco :

Indicato nel diabete e nell’ipercolesterolemia, l’assunzione giornaliera di 5 g di fieno greco per 3 mesi migliora infatti l’equilibrio glicemico, diminuisce l’HbA1c, porta alla riduzione del peso e al miglioramento del profilo lipidico. Il fieno greco migliora la glicemia a digiuno o postprandiale (diabete di tipo 1 o 2) ma non la modifica negli uomini sani.

Olio di camelina :

Questo olio è ampiamente utilizzato nella gestione complessiva di pazienti affetti da diabete non insulino-dipendente e resistenza all’insulina.

E.O. di ginepro comune :

Questo olio essenziale provoca l’inibizione della glicazione delle proteine. È quindi coinvolto nella prevenzione delle complicanze del diabete.

Tè verde :

L’ingestione di tè verde migliora la sensibilità all’insulina, diminuisce i livelli di emoglobina glicata, aumenta l’espressione dei trasportatori del glucosio GLUT-IV, migliora la tolleranza al glucosio e quindi diminuisce l’incidenza del diabete.

Olio di semi neri :

Il seme nero potrebbe essere un trattamento adiuvante benefico per il diabete di tipo 2.

Due studi clinici contro placebo hanno successivamente esplorato l’effetto del seme nero sul controllo glicemico e quindi sul profilo lipidico dei pazienti con diabete di tipo 2:
Hanno osservato un miglioramento del controllo glicemico (diminuzione della glicemia a digiuno, glicemia postprandiale e HbA1c) senza alterazione delle funzioni epatiche o renali, nonché un miglioramento del profilo lipidico (riduzione del colesterolo totale, trigliceridi, colesterolo LDL e aumento delle HDL colesterolo).

Agaricus blazei :

Agaricus migliora la resistenza all’insulina nelle persone con diabete di tipo 2 aumentando l’adiponectina

Biancheria

In caso di diabete trattato con insulina, l’assunzione di semi di lino con un pasto può richiedere una riduzione della dose di insulina da iniettare (le mucillagini rallentano l’assorbimento degli zuccheri dal pasto).

Bacche di mirtillo :

Un’assunzione regolare e moderata di mirtilli o antociani è associata a un ridotto rischio di malattie cardiovascolari, diabete di tipo 2 e un aiuto nel mantenimento del peso, effetti neuroprotettivi, antinfiammatori e antiossidanti. I loro effetti benefici sulla funzione vascolare e sulla regolazione dell’equilibrio glicemico hanno quindi un effetto favorevole sulla microflora gastrointestinale, con implicazioni nelle malattie degenerative e nel processo di invecchiamento.

Alloro comune :

L’alloro riduce il rischio di malattie cardiovascolari e diabete. Ha un’azione favorevole sul colesterolo totale, aumentando l’HDL e abbassando l’LDL.

Coriandolo :

Il coriandolo è un medicinale antidiabetico che ritarda l’insorgenza del diabete. È antiiperglicemico e secernente insulina. Viene somministrata un’attività simile all’insulina.

Curcuma EPS :

La curcuma è antidiabetica, migliora la disfunzione endoteliale indotta dal diabete e migliora la perossidazione lipidica soprattutto con la curcumina foto-irradiata.

Fonti :

  • Xue WL, Li XS, Zhang J, Liu YH, Wang ZL, Zhang RJ. Effect of Trigonella foenum-graecum (fenugreek) extract on blood glucose, blood lipid and hemorheological properties in streptozotocin-induced diabetic rats. Asia Pac J Clin Nutr. 2007
  • Hannan JM, Ali L, Rokeya B, Khaleque J, Akhter M, Flatt PR, Abdel-Wahab YH. Soluble dietary fibre fraction of Trigonella foenum-graecum (fenugreek) seed improves glucose homeostasis in animal models of type 1 and type 2 diabetes by delaying carbohydrate digestion and absorption, and enhancing insulin action. Br J Nutr. 2007 Mar
  • Swanston-Flatt SK, Day C, Bailey CJ, Flatt PR. Traditional plant treatments for diabetes. Studies in normal and streptozotocin diabetic mice. Diabetologia. 1990 Aug
  • Iso H, Date C, Wakai K, Fukui M, Tamakoshi A; JACC Study Group. The relationship between green tea and total caffeine intake and risk for self-reported type 2 diabetes among Japanese adults. Ann Intern Med. 2006 Apr 18
  • Sultan MT, Butt MS, Karim R, Iqbal SZ, Ahmad S, Zia-Ul-Haq M, Aliberti L, Ahmad AN, De Feo V. Effect of Nigella sativa fixed and essential oils on antioxidant status, hepatic enzymes, and immunity in streptozotocin induced diabetes mellitus. BMC Complementary and Alternative Medicine 2014
  • Hsu CH, Liao YL, Lin SC, Hwang KC, Chou P. The mushroom Agaricus Blazei Murill in combination with metformin and gliclazide improves insulin resistance in type 2 diabetes: a randomized, double-blinded, and placebo-controlled clinical trial. J Altern Complement Med. 2007 Jan-Feb
  • Kim J, Kim CS, Lee YM, Sohn E, Jo K, Kim JS. Vaccinium myrtillus extract prevents or delays the onset of diabetes–induced blood-retinal barrier breakdown. Int J Food Sci Nutr. 2015 Mar
  • Khan A, Zaman G, Anderson RA. Bay leaves improve glucose and lipid profile of people with type 2 diabetes. J Clin Biochem Nutr. 2009 Jan

 

Clémentine. M.
Naturopata – Aromaterapista / Erborista – Fitoterapista
Consulente in fito-aromaterapia clinica ed etnomedicina

Leave a Reply

Your email address will not be published.