Tè alle erbe da sera

Merci de partager cet article sur
Share on Facebook
Facebook
Pin on Pinterest
Pinterest
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin

La cena è finita, il tavolo viene cancellato e le ultime attività della giornata completate. Il camino scriva delicatamente e sei pronto per goderti la serata. Cosa c’è di più piacevole di un momento di relax e gusto con una tisana?
L’autunno è il momento perfetto per riprendere questa abitudine che può essere perpetuata tutto l’anno.
Al di là del lato molto bozzolo del tè alle erbe dal fuoco sotto il suo plaid preferito, ci sono buone ragioni per iniziare.

Una tisana, di molte virtù

Prima di tutto, pensiamo che sia un buon modo per idratarsi. Troppe persone bevono troppo poco durante il giorno, e il tè della sera può aiutare a riempire la lacuna dell’acqua.
Bere caldo ha notevoli benefici: aumento della peristalsi intestinale, regolazione del transito, decongestionazione del fegato.

Il “semplice” utilizzato per preparare il tè alle erbe rilascerà i loro aromi e molecole attive infondendo in acqua calda. Il calore dell’acqua permette una migliore estrazione dei principi attivi delle piante e la loro migliore assimilazione da parte del corpo. Infatti, “il potere di dissoluzione dei principi attivi vegetali è aumentato dal calore. Questo permette la dilatazione dei tessuti vegetali e quindi promuove un maggiore rilascio di alcune molecole attive e sali minerali.»
Così, per il piacere olfattivo e gusto di una tisana viene aggiunto un effetto benefico per la nostra salute.

Come si prepara il tè alle erbe?

Un buon tè alle erbe è preparato con acqua e piante di qualità.
Utilizzare acqua di sorgente a bassa mineralazione (il residuo secco più basso possibile, meno di 150 mg/L se possibile) per preservare il potenziale purificante del liquido e non sollecitare troppo la funzione renale.

Le piante medicinali scelte devono provenire dall‘agricoltura biologica perché come l’acqua estrae i loro principi attivi, estrae anche prodotti tossici contenuti come pesticidi…
Si deve considerare anche la tecnica di essiccazione e conservazione. Le piante che acquisti devono aver mantenuto il loro colore e il loro odore. Gli infiaglitori commerciali, nonostante il loro aspetto pratico, manterranno per meno tempo.

Conservazione:

Per mantenere le piante che avete raccolto o acquistato, optate per un barattolo di vetro o un sacchetto di stoffa, e lasciarle in un luogo asciutto lontano dalla luce. A seconda dell’impianto, la durata di conservazione può variare da 1 a 3 anni.

  • La tecnica di preparazione dipende dalla densità della parte della pianta che si desidera utilizzare:
    per le parti tenere come foglie o fiori, deve essere fatta un’infusione per portare l’acqua a ebollizione prima di immergere le piante, quindi essere infuso per circa 5-10 minuti prima della degustazione.
  • per le aree più dense o più legnose come corteccia, corteccia o radici, la pianta deve essere immersa in acqua fredda e riscaldata fino al punto di ebollizione. Da questo punto in poi, devi bollire per altri dieci minuti.
  • per preservare alcuni componenti della pianta, può essere utile macerare. Ad esempio, la vitamina C, che si trova in proporzioni interessanti in alcune piante, viene distrutta a 60 gradi.Questo comporta immergere la pianta in acqua fredda (da poche ore a diversi giorni a seconda della specie), e quindi filtrare il contenuto che può essere raffreddato.

Quali piante scegliere?

La gamma di quelli semplici è ampia e la vostra scelta sarà basata sulle vostre esigenze e gusti.
Le molecole attive agiscono su funzioni specifiche e la loro azione può essere digestiva, detrizzante, rilassante, circolatoria, ecc.

L’associazione di diverse piante medicinali a volte può essere interessante, ma attenzione alle associazioni antagoniste. Ad esempio, una miscela lime-menta è incoerente. Da un lato la menta avrà un effetto stimolante nervoso e gastrico, mentre l’albero di calce avrà l’effetto opposto.

In tutte le stagioni e in qualsiasi momento

Nonostante il titolo dell’articolo, bere tisane è un’abitudine di semplicità sorprendente che può essere praticata in tutte le stagioni e in qualsiasi momento della giornata.
Durante l’autunno e l’inverno, il tè caldo alle erbe aiuterà il corpo a mantenere il calore corporeo e sarà energizzante (“yang” se ci riferiamo alla medicina tradizionale cinese).

Durante l’estate, bere caldo sosterrà anche il corpo nel suo sforzo di regolazione termica, causando una leggera sudorazione che si tradurrà in un’azione rinfrescante. Pensate ai Berberi Tuareg che consumano tè caldo nonostante le alte temperature esterne, o ai cinesi che bevono caldo o tiepido anche durante il pasto.
Le tisane vengono consumate in qualsiasi momento della giornata e saranno un ottimo sostituto per le bevande eccitanti ricche di alcaloidi.

La tisana ha davvero un potere terapeutico?

Il potere curativo di una tisana è ovviamente molto leggero. D’altra parte, fare una cura scegliendo una pianta specifica per un periodo di almeno 3 settimane consumando da 5 a 6 tazze di tè alle erbe al giorno avrà indubbiamente un effetto terapeutico.

Delphine L., naturopata

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *