Ginkgo, un primitivo albero viviparo del Mesozoico

Proprietà farmacologiche delle foglie di Ginkgo biloba

Le più antiche piante medicinali del regno vegetale sono, come diceva Darwin , un vero e proprio “fossile vivente”. Il ginkgo fa parte di un gruppo di piante che si sviluppò nel Carbonifero, durante il periodo di massimo splendore degli equiseti giganti, da 200 a 250 milioni di anni fa. Tra l’altro questo albero ha il pregio di poter invecchiare per millenni . Se siamo generalmente d’accordo che 4000 anni è un’età rispettabile per un ginkgo.

Un po’ di storia

Una curiosità botanica , il Ginkgo non produce fiori, frutti o semi. Quello che è considerato il frutto del ginkgo non è altro che un’enorme cellula uovo. Inoltre, come un animale oviparo, il ginkgo depone le uova! Si distingue quindi dalle piante vivipare su questo punto. Nessun insetto si nutre delle sue foglie e dei suoi frutti, resiste ai funghi e sostiene l’inquinamento atmosferico così come l’inquinamento del suolo. Un ginkgo carbonizzato nell’esplosione atomica di Hiroshima il 6 agosto 1945 produsse persino un germoglio la primavera successiva. La persistenza del ginkgo può essere spiegata anche dalla lunghezza del suo periodo riproduttivo sebbene diventi sessualmente maturo tra i 40 e i 70 anni.

Questo albero è sempre più spesso piantato nelle aree urbane. Preferiamo le piogge autunnali dorate; infatti il ​​fogliame giallo burroso cade in brevissimo tempo ed evidenzia l’origine di uno dei soprannomi di ginkgo, l’ albero dalle 1000 corone . Questo nome è direttamente collegato all’arrivo del ginkgo in Europa nel XVIII secolo.

La medicina cinese si interessò delle prime virtù terapeutiche del ginkgo. Fu Chen Nong a descriverlo come uno stimolante circolatorio 2700 aC. JC. Tuttavia, fu solo all’inizio del XX secolo che iniziarono le ricerche farmacologiche. Nel 1936, un medico ungherese Szent Györgyi , evidenziò la presenza e il ruolo dei famosi flavonoidi contenuti nelle foglie del ginkgo. Da allora le applicazioni terapeutiche si sono moltiplicate, a tal punto che questo albero primitivo offre speranza nel trattamento del morbo di Alzheimer.

Quali sono le principali proprietà farmacologiche delle foglie di Ginkgo biloba?

Proprietà neuroprotettive e antidegenerative:

L’ attività neuroprotettiva del ginkgo è infatti legata ai suoi flavonoidi e terpeni, che agiscono in sinergia. Implica in particolare un’azione sullo stato di ossidazione cellulare, sui sistemi neurotrasmettitoriali, sul flusso sanguigno cerebrale e sul tasso di monossido di azoto, ma include anche un’attività non colinergica , che coinvolge in particolare i meccanismi mitocondriali, citoprotettivi e anti-apoptotici.

Il ginkgo ha infatti potenziali effetti nella demenza senile o nel morbo di Alzheimer paragonabili al Donepezil.

Proprietà anti-ischemiche:

In vivo , il pretrattamento con un estratto di ginkgo prima dell’ischemia-riperfusione cerebrale consente di ridurre il volume della zona infartuata limitando la morte delle cellule neuronali.

Nell’anziano, il pretrattamento con bilobalide prima dell’ischemia cerebrale consente in particolare di ridurre il rilascio di glutammato e le dimensioni dell’area infartuata, di preservare i livelli di ATP del cervello ischemico, di limitare il rigonfiamento mitocondriale indotto dal calcio , e di migliorare funzioni sensomotorie.

Il ginkgo biloba esercita un effetto cardioprotettivo dopo ischemia-riperfusione, sia nei soggetti sani, riducendo le dimensioni dell’area infartuata, sia nei soggetti diabetici .

Proprietà vasodilatatrici e vasculoprotettive cerebrali e periferiche:

In vivo , l’aggiunta di G. biloba a una linea cellulare endoteliale provoca la modifica della permeabilità della membrana agendo su alcuni canali ionici e provoca il rilascio di prostaglandina PG12 dall’endotelio vascolare aortico. L’estratto di ginkgo esercita anche un’attività vasorelaxant in vivo inducendo il rilascio di monossido di azoto (= ossido nitrico = NO) dalle cellule endoteliali cerebrali basilari. Negli anziani, l’estratto di ginkgo esercita un effetto protettivo sulle arteriole mesenteriche, migliorando così l’elasticità vascolare.

Vi è infine un numero crescente di studi clinici che mostrano l’interesse degli estratti di G. biloba nelle malattie cardiovascolari e vascolari periferiche e durante le complicanze vascolari del diabete, in relazione alla loro attività antiossidante e di scavenging dei radicali liberi, stabilizzatore di membrana, inibitore del PAF, vasodilatatore e regolatore del metabolismo

Si ritiene inoltre che la pianta abbia un effetto favorevole nella degenerazione maculare senile ( AMD ), come sembrano indicare due studi che hanno coinvolto 119 persone.

Proprietà sul miglioramento della cognizione e della plasticità cerebrale:

In vivo , il ginkgo agisce come un “potenziatore cognitivo”, migliora la plasticità sinaptica nelle cellule dell’ippocampo, che protegge dallo stress ossidativo , e la cognizione nei soggetti anziani, che potrebbe infatti alleviare il loro deficit nell’apprendimento spaziale e nella memoria . In essi, la somministrazione a lungo termine dell’estratto di Ginkgo biloba migliora notevolmente la memoria spaziale e la motivazione con cambiamenti significativi nel contenuto e nel metabolismo delle monoamine in diverse regioni del cervello.

Proprietà sulle vertigini:

L’estratto di Ginkgo biloba EGb 761 migliora in vivo la motilità vestibolo-oculare , la compensazione vestibolo-spinale e la mobilità in un modello animale di vertigine (labirintectomia unilaterale).

Proprietà reologiche:

Il miglioramento del flusso sanguigno indotto dal ginkgo a livello del micro e macrocircolo è legato al miglioramento della deformabilità dei globuli rossi, alla diminuzione dei livelli di fibrinogeno, al miglioramento della viscosità sanguigna e vaso-elasticità, soprattutto nei pazienti diabetici.

Altre proprietà:

  • Ipolipemizzante:

Una meta-analisi del 2018 suggerisce che gli estratti di foglie di Ginkgo biloba costituiscono effettivamente una terapia adiuvante se combinati con statine per gestire la dislipidemia e che la loro combinazione migliora i parametri lipidici nel sangue rispetto alla terapia con statine .

  • antivirali:

La ginkgétina , un flavonoide del ginkgo, inibisce la sialidasi del virus dell’influenza. In vivo , migliora significativamente la sopravvivenza dei soggetti infettati dal virus dell’influenza .

  • Farmaci antitumorali:

In vitro, la ginkgetina induce la morte cellulare autofagica nel carcinoma polmonare non a piccole cellule.

  • Anti-vitiligine:

Diversi studi clinici sembrano inoltre indicare un’attività favorevole della pianta in questa malattia depigmentante della pelle. Uno studio clinico pilota in aperto del 2011 condotto su 12 pazienti di età compresa tra 12 e 35 anni per 12 settimane ha infine dimostrato che l’assunzione di 60 mg di un estratto di ginkgo migliora significativamente l’estensione della vitiligine nella pelle.

Il ginkgo riduce la depigmentazione e migliora la ripigmentazione nella vitiligine .

Ci sono precauzioni per l’uso con Ginkgo biloba?

Tossicità:

  • I semi di ginkgo non dovrebbero essere mangiati in quanto contengono alcaloidi potenzialmente tossici.

Controindicazioni:

  • Controindicato in emofilia.
  • Controindicato nelle donne in gravidanza o allattamento; le proprietà antipiastriniche del ginkgo potrebbero quindi prolungare il tempo di sanguinamento. Durante l’allattamento, la sicurezza della foglia di ginkgo è sconosciuta e dovrebbe essere evitata fino a quando non saranno condotti studi di alta qualità sull’uomo per dimostrarne la sicurezza.

Precauzioni per l’uso:

  • Interrompere il trattamento 3 giorni prima dell’intervento.
  • Secondo l’EMA, in assenza di dati sufficienti, l’uso di medicinali contenenti ginkgo biloba non è raccomandato nei bambini e negli adolescenti di età inferiore ai 18 anni.
  • Il ginkgo è inutile nelle tisane.
  • Diversi studi farmacodinamici suggeriscono che il ginkgo inibisce l’aggregazione piastrinica ( ginkgolide B ).
  • A parte indicazioni acute come la crisi emorroidaria, la durata del trattamento con ginkgo biloba doveva durare almeno 3 mesi (8 settimane secondo l’EMA) per poterne beneficiare.

Interazioni tra farmaci:

  • Se il ginkgo biloba è combinato con anticoagulanti o con agenti antipiastrinici, è necessario esercitare cautela e garantire il controllo medico. È lo stesso se assunto insieme a farmaci antinfiammatori, anticonvulsivanti, sedativi e antiepilettici.
  • Gli effetti reologici del ginkgo possono essere aggiunti a quelli delle piante con proprietà anticoagulanti o fluidificanti del sangue.
  • Il ginkgo biloba non deve essere associato a:
    • Farmaci della classe delle benzodiazepine, perché i ginkgolidi agiscono come agonisti dei recettori dell’acido gamma-aminobutirrico (GABA)
    • Anticoagulanti orali, come il warfarin
    • Aspirina (aumento del tempo di sanguinamento)
    • Farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS), perché agendo sul fattore di aggregazione piastrinica (FAP) diminuiscono l’aggregazione
  • Azione sui citocromi CYP3A4, 2C9 e 2C19

Come prendere Ginkgo biloba e in quale dosaggio?

Forma secca:

  • Come integratore alimentare, sotto forma di estratto vegetale fresco standardizzato, estratto secco o standardizzato, estratto acquoso, polvere, in capsule o compresse o sfuso.

Forma liquida:

Ginkgo biloba nella preparazione magistrale di estratti standardizzati in forma liquida (EPS)

Associazione con il ginseng :

Per migliorare le prestazioni cognitive, soprattutto durante il lavoro intellettuale prima di esami, gare o durante un intenso stress cognitivo.

Associazione con astragalo e curcuma :

Per la protezione cardiovascolare dopo i 60 anni (protezione contro l’invecchiamento dei tessuti e del cervello).

Associazione con equiseto :

In caso di guarigione ritardata, prevenzione di cheloidi e smagliature, prevenzione e protezione cardiovascolare nell’anziano, prevenzione dell’invecchiamento.

Associazione con l’erba di San Giovanni :

Nella depressione da lieve a moderata con rallentamento cognitivo del cervello.

Associazione con Partenio :

Contro cefalee, emicranie, soprattutto in un contesto di insufficienza circolatoria cerebrale.

Associazione con piantaggine :

Per combattere l’asma, malattia polmonare ostruttiva cronica, grazie alla capacità del ginkgo di inibire il fattore di attivazione delle piastrine (PAF).

Fonti bibliografiche mediche e studi clinici :

  • Abdel-Kader R. et al., Stabilizzazione della funzione mitocondriale mediante estratto di Ginkgo biloba (EGb 761), Pharmacol. Res, 2007
  • Bastianetto S. et al., L’estratto di Ginkgo biloba (EGb 761) protegge i neuroni dell’ippocampo contro la morte cellulare indotta dalla beta-amiloide; Eur J Neurosci, 2000
  • Schwarzkopf TM et al., Neuroprotezione da bilobalide nell’ischemia: miglioramento della funzione mitocondriale, Pharmazie, 2013
  • O’barr S. et al., Espressione del protooncogene blc-2 nel cervello della malattia di Alzheimer, Neurobiol. Invecchiamento, 1996
  • Sung JH et al., L’estratto di Ginkgo biloba (EGb 761) previene la diminuzione indotta da danno cerebrale ischemico nell’espressione della parvalbumina, Lab Anim Res, 2012
  • Chen X. et al., Estratti di Gingko biloba e ginsenosidi esercitano vasorilassamento cerebrale attraverso una via di ossido nitrico; Clin Exp Pharmacol. Physiol, 1997
  • Miki K., Nagai T., Suzuki K. et al., Attività del virus anti-influenzale dei bioflavonoidi, Bioorg Med Chem Lett., 2007
  • Shu Lou J. et al., Ginkgetin, un biflavonoide derivato dalle foglie di Ginkgo biloba; induce la morte cellulare autofagica nel carcinoma polmonare non a piccole cellule tramite p62. Chimica del cancro, 2017
  • Szuczurko O. et al., Ginkgo biloba per il trattamento della vitiligine vulgaris: una clinica pilota in aperto; Medicina complementare e alternativa BMC, 2011
  • Doraiswamy PM, Strategie non colinergiche per il trattamento e la prevenzione della malattia di Alzheimer, CNS Drungs, 2002

 

 

Clementina. M.
Naturopata – Aromaterapeuta / Erboristeria –
Consulente Fitoterapista in Fitoaromaterapia Clinica ed Etnomedicina

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *