Metodi naturali per combattere efficacemente la sudorazione eccessiva (iperidrosi)

Il ruolo della traspirazione è quello di fornire una regolazione termica al fine di mantenere la temperatura corporea a 37 ° C. Si parla di iperidrosi quando la quantità di sudore prodotta supera notevolmente quella necessaria per garantire questa termoregolazione. L’eccessiva sudorazione o iperidrosi è l’eccessiva produzione di sudore. Colpisce gravemente la qualità della vita delle persone che ne sono affette.

Cos’è l’iperidrosi ?

L’iperidrosi è una patologia responsabile dell’eccessiva produzione di sudore che colpisce attualmente 1 francese su 4.

Il derma è costituito da tessuti elastici fibrosi altamente vascolarizzati il ​​cui ruolo è quello di proteggere e nutrire l’epidermide, presente nel derma, nelle ghiandole sudoripare e nelle ghiandole sebacee.

Le ghiandole sudoripare sono responsabili dell’eliminazione dei rifiuti attraverso il sudore al ritmo di 1 litro al giorno.

Esistono 2 tipi di ghiandole sudoripare :

Le ghiandole apocrine :

Situate sotto le ascelle, nelle aree genitale, anale e ombelicale, producono sudore per scopi sessuali. Predominano nelle regioni ascellari e genitali. Le ghiandole apocrine producono un liquido inodore che si decompone sotto l’influenza dei batteri e acquista un odore sgradevole e caratteristico.

Le ghiandole eccrine:

Situate in tutto il resto del corpo, producono il sudore di eliminazione. Sono distribuiti in tutto il corpo e sono localizzati più abbondantemente sui palmi delle mani, sulle piante dei piedi e sulle ascelle (regione ascellare). Le ghiandole eccrine svolgono un ruolo importante nella regolazione termica del corpo. Sotto stress o calore, le ghiandole eccrine possono secernere fino a 10 litri di sudore al giorno. La sudorazione (ecrina) è una risposta normale all’aumento della temperatura corporea (calore, esercizio fisico, febbre) e alle emozioni.

La produzione e l’escrezione del sudore dipendono dal sistema nervoso simpatico ed è regolata dall’ipotalamo (una ghiandola situata nel cervello).

Quali sono le cause dell’iperidrosi?

Si distingue tra iperidrosi primaria o essenziale (senza causa riconosciuta) e iperidrosi secondaria a malattie. In caso di iperidrosi generalizzata o iperidrosi localizzata in una zona insolita (diversa da palmi, piante dei piedi o ascelle), è indispensabile consultare un medico per indagare sulla causa, soprattutto se l’eccessiva sudorazione si è verificata di recente.

Si pensa che l‘iperidrosi essenziale sia secondaria all’eccessivo funzionamento dei circuiti riflessi coinvolti nella sudorazione eccrina. Spesso inizia alla pubertà, raggiunge il picco tra la terza e la quarta decade e poi diminuisce con l’età. L’iperidrosi palmoplantare (dei piedi e delle mani) è predominante negli uomini.

L’iperidrosi è più spesso intermittente e peggiorata dallo stress. Spesso si forma un circolo vizioso, in quanto l’eccessiva sudorazione delle mani o delle ascelle è spesso imbarazzante e genera stress che la aumenta.

L’iperidrosi può essere anche la conseguenza di altre patologie come, ad esempio, la menopausa, l’obesità, il diabeteo anche l’ipertiroidismo.

Qualche consiglio naturopatico per limitare l’iperidrosi

  • Evitare alcol, tabacco, cibi contenenti caffeina (caffè, tè, cioccolato o soda con caffeina) e cibi piccanti, acidi o burro di arachidi poiché stimolano la produzione di sudore
  • Lavare le zone soggette a ipersudorazione con un sapone delicato una o due volte al giorno e asciugare bene per evitare la macerazione che potrebbe favorire la comparsa di infezioni fungine
  • Preferisci abiti larghi realizzati con materiali naturali (cotone, lino, lana) e nessun materiale sintetico. Ad esempio calzini di cotone da cambiare se necessario due volte al giorno e scarpe di pelle o di tela anziché di plastica
  • La depilazione riduce anche l’adesione del sudore ai capelli
  • Impara a padroneggiare situazioni stressanti: tecniche di rilassamento per esempio
  • Usa un deodorante o un antitraspirante
  • Ricordati di bere molta acqua per superare la possibile disidratazione

In caso di sudorazione profusa e/o intensa: si consiglia poi di effettuare un trattamento antitraspirante (spray con alcool, flacone roll-on), prestando attenzione in caso di pelle sensibile per non creare irritazioni. Questi trattamenti antitraspiranti sono spesso da applicare la sera in cure di pochi giorni.

Esistono trattamenti naturali per combattere l’eccessiva sudorazione?

Esistono infatti piante antisudore da utilizzare in caso di eccessiva sudorazione, ma ci sono, al contrario, piante sudorifere da evitare come ad esempio: bardana, melissa, viola del pensiero selvatica, borragine, piantaggine, sambuco o violetta …

Tra le piante per la cura dell’iperidrosi, particolarmente efficaci sui piedi (dai bagni locali) sono i decotti per uso esterno di equiseto, cipresso e salvia.

Diversi oli essenziali possono essere utilizzati anche per i loro effetti antiodore che regolano la sudorazione eccessiva: oli essenziali di pino silvestre, citronella di Ceylon, salvia sclarea o anche palmarosa.

Con il ritorno delle giornate di sole e il graduale aumento della temperatura esterna, la sudorazione non è inevitabile e in caso di sudorazione eccessiva le soluzioni esistono! Non lasciare che aloni, mani sudate o cattivo odore corporeo rovinino la tua vita!

 

Clémentine. M.
Naturopata – Aromaterapeuta / Erboristeria – Fitoterapista
Consulente in fito-aromaterapia clinica ed etnomedicina

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *